Il Goal setting

CREDI SEMPRE DI POTER MIGLIORARE

Il Goal setting

18 maggio 2018 CAMBIAMENTO FORMAZIONE TEAM 0

 

“Se non sai dove stai andando, qualsiasi strada ti ci porterà”

Il goal setting è la programmazione per obiettivi, serve a definire i risultati da raggiungere, attraverso obiettivi ben scelti ed espressi. Gli obiettivi focalizzano l’attenzione, regolano e aumentano lo sforzo per l’esecuzione del compito. Infine permettono di utilizzare delle strategie.
Nella definizione degli obiettivi esiste un modello efficace da seguire: il modello SMART.
Gli obiettivi SMART hanno le seguenti caratteristiche.

  • Specific sta per specifico: l’obiettivo deve essere il più possibile specifico, con specifiche azioni che si devono compiere.
  • Measurable sta per misurabile: più l’obiettivo è misurabile, più è facile comprendere i risultati ottenuti.
  • Attainable sta per ottenibile: gli obiettivi devono essere possibili da raggiungere.
  • Rilievant devono essere sfidanti per le persone e importanti, altrimenti può esserci un calo della motivazione.
  • Time based ossia legato al tempo: bisogna chiarire molto bene le tempistiche in cui s’intende raggiungere questi obiettivi, se a lungo, medio, breve termine.

 

Più recentemente sono state aggiunte due qualità agli obiettivi, la sigla più completa è diventata SMARTER.

  • Eccitante: gli obiettivi devono provocare eccitazione quando sono conseguiti.
  • Registrato: importante è che l’impegno per raggiungere l’obiettivo vada sottoscritto e annotato.

Gli obiettivi specifici servono a ottenere prestazioni più elevate, rispetto a obiettivi generici, così come quelli difficili portano a una maggiore motivazione e impegno per il raggiungimento degli stessi

Gli obiettivi sono assegnati partendo dalla definizione della mission. Il leader individua i potenziali delle persone coinvolte nello sviluppo
aziendale, e assegna obiettivi precisi, che possano stimolare e motivare i collaboratori.
Secondo Lee, Locke e Latham il processo del goal setting prevede:

  1. impegno verso l’obiettivo.
  2. Sviluppo di abilità per ottenere risultati superiori.
  3. Feedback costruttivi, che servano da specchio per un miglioramento sulle azioni che si perseguono.
  4. Cultura aderente alla direzione verso cui si aspira.
  5. Convinzione di riuscire in quello che si propone di intraprendere: autoefficacia.

La programmazione per obiettivi rappresenta un valido strumento di crescita personale e conoscenza di sé.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Vai alla barra degli strumenti